Ultimamente – per fortuna – si sente più spesso parlare di turismo responsabile.
È un tema che ci sta molto a cuore, per questo oggi vogliamo fare la nostra parte per incoraggiare ciascun viaggiatore a viaggiare in modo responsabile, essere più consapevole dei danni che può causare e dei benefici che può apportare con qualche piccola attenzione in più.

Per l’ambiente, per un mondo più equo, perché ognuno di noi può fare la differenza mettendo in pratica qualcuno di questi accorgimenti.

Non siamo viaggiatori perfetti e abbiamo ancora tanto da imparare, ma facciamo del nostro meglio perché quello che prendiamo dai nostri viaggi venga restituito alla terra e alla popolazione locale.

Per questo condividiamo con piacere tutto quello che abbiamo imparato, perché tutti assieme possiamo migliorarci ed essere parte del cambiamento.

Indice dell’articolo

La definizione di turismo responsabile e sostenibile
Perché viaggiare in modo responsabile
Consigli per viaggiare responsabilmente
1. La scelta della meta
2. I mezzi di trasporto
3. Conoscere e rispettare la popolazione locale
4. Supportare la popolazione locale
5. La valigia sostenibile
6. La scelta degli alloggi
7. Il rispetto per animali e ambiente

La definizione di turismo responsabile e sostenibile

I termini turismo responsabile e turismo sostenibile sono considerati oggi quasi sinonimi perché condividono gli stessi ideali.

Entrambi si riferiscono all’impatto ambientale, economico e sociale sulla popolazione ospitante, in uno sforzo collettivo di promuovere attività, tour operator, alberghi e in generale comportamenti che massimizzano i benefeci del turismo ricevuti dalla popolazione locale, rispettando le culture e proteggendo l’ambiente.

Il motivo principale per cui i due termini sono diversi è che sono nati in contesti e organizzazioni diverse, ma condividono gli stessi obiettivi.

L’unica vera differenza è che il turismo sostenibile è un obiettivo a lungo termine, che riguarda tutta l’industria del turismo. Il turismo responsabile, invece, comprende ogni piccola azione che ciascuno di noi può fare durante i nostri viaggi.

In Italia, questa è la definizione di turismo responsabile adottata dall’Associazione Italiana Turismo Responsabile (AITR):

Il turismo responsabile è il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture. Il turismo responsabile riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio. Opera favorendo la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori.

Perché viaggiare in modo responsabile

Il turismo è un’industria che porta con sé infinite possibilità economiche e di sviluppo, ma anche tanti problemi.

È nostro dovere, da viaggiatori e amanti del mondo, contribuire allo sviluppo di un turismo diverso, non più incentrato sul viaggiatore a discapito di ambiente e popolazione locale, un turismo che aggiunga valore e che non lo tolga.

Per noi viaggiare in modo responsabile non è “o tutto o niente”: pensate che grande cambiamento potremmo creare se tutti ci impegnassimo in anche pochi aspetti dei nostri viaggi!

Ogni singola azione conta e noi, tutti assieme, possiamo cambiare il mondo un viaggio alla volta.

Ecco quindi qualche consiglio per chi vuole iniziare ad essere più cosciente dell’impatto dei propri viaggi e per chiunque voglia impegnarsi a viaggiare meglio, per sé e per gli altri.

Turismo responsabile in Vietnam: la baia di Lan Ha Bay
La baia di Lan Ha Bay è un’ottima alternativa responsabile alla sovraffollata baia di Ha Long Bay, in Vietnam

Consigli per viaggiare responsabilmente

I tre punti fondamentali per viaggiare in modo etico e responsabile sono:

1. Rispettare e preservare la cultura del popolo che ci ospita
2. Favorire lo sviluppo economico del paese e della popolazione ospitante
3. Rispettare e proteggere l’ambiente

Abbiamo messo insieme una lista pratica di piccole scelte che ciascuno di noi può fare durante qualsiasi viaggio per poter contribuire, nel proprio piccolo, a rendere il mondo un posto migliore per tutti.

Premessa:
Questo post è molto lungo ma non abbiamo voluto tagliare niente per dare quanti più spunti possibili e dimostrare che sì, ci sono tantissime cose che ciascuno di noi può fare nel proprio piccolo.

1. La scelta della meta

Prima ancora di iniziare il nostro viaggio, possiamo iniziare a fare la nostra differenza scegliendo una meta o un periodo piuttosto che un altro.

▪ Evita i luoghi presi d’assalto dal turismo e viaggia fuori stagione

Preferisci mete alternative a quelle molto turistiche e, se possibile, evita l’alta stagione. Aiuterai a ridurre i danni del turismo di massa e allentare la pressione sul territorio e sui lavoratori.

Un altro motivo per cui è preferibile scegliere mete o periodi meno comuni è che potrai goderti il viaggio senza avere troppi turisti attorno e scoprire luoghi che avevi sottovalutato.

▪ Evita i viaggi mordi e fuggi

I viaggi mordi e fuggi sono estremamente inquinanti e non permettono di vivere davvero la destinazione e la sua popolazione. Questo include anche quei viaggi in cui si pretende di visitare una nazione intera in una settimana o poco più.

Collezioni foto, a volte timbri sul passaporto, ma davvero che cosa ti porti a casa a livello umano? Ben poco.
La nostra regola personale è “viaggiare meno ma viaggiare meglio”, ovvero meno frequentemente ma per periodi più lunghi e con più calma.

▪ Scegli un tour operator locale

Se non sei un amante dei viaggi “fai da te”, nell’organizzare il viaggio scegli un tour operator locale, preferibilmente attento all’ambiente, così da far circolare l’economia in modo più equo a favore della popolazione locale.

Itinerario Ebridi Interne Scozia 10 giorni Mull Iona Skye
La bellissima Isola di Iona, scoperta durante un viaggio in Scozia di 10 giorni alternativo

2. I mezzi di trasporto

▪ Scegli i voli migliori

Quando devi prendere un aereo, scegli il volo diretto o quello con meno scali.

Ultimamente si parla anche di compensare le emissioni di CO2 prodotte dal nostro viaggio: si calcola online l’impatto ambientale del nostro viaggio e si dona la cifra rilevata ad organizzazioni che si occupano di piantare alberi, ecc.
Ci sono molte compagnie che lo fanno già al posto nostro, quindi fai qualche ricerca quando scegli il volo.

▪ Preferisci i mezzi pubblici

Se possibile, preferisci il treno ai voli per le brevi distanze, ad esempio per i viaggi in Italia.

Per spostarti tra un luogo e l’altro usa i mezzi pubblici come treno o autobus: sono più sostenibili, solitamente costano meno e danno la possibilità di osservare la vita quotidiana delle persone.
Inoltre, i mezzi pubblici forniscono sempre storie divertenti, come quella che ho raccontato nell’articolo sul prendere un treno notturno in Cina.

Quando c’è bisogno di spostarsi in macchina, considera il car sharing come blablacar o taxi condivisi con altri viaggiatori.

Una cosa che a noi piace moltissimo fare è noleggiare una bicicletta per coprire distanze maggiori in meno tempo senza inquinare e divertendosi.

Viaggiare responsabilmente: noleggiare delle biciclette
Pedalando tra le risaie in Vietnam

3. Conoscere e rispettare la popolazione locale

Come viaggiatori dobbiamo avere la consapevolezza che, ovunque andiamo, siamo degli ospiti. Per questo è nostro dovere conoscere e rispettare la cultura e i costumi locali, la storia, le condizioni sociali della nostra meta.

▪ Informati prima di partire e durante il viaggio

Prima di partire informati sulla storia, cultura e situazione sociale della tua meta. Spesso basta leggere qualche romanzo per avere un’infarinatura generale e unire l’utile al dilettevole.

Sul posto fai domande, assaggia nuovi cibi, cerca di comprendere il più possibile ciò che ti circonda.

Ricordati anche di informarti sulle leggi locali per non infrangerle involontariamente.

▪ Impara qualche frase della lingua locale

Saper dire qualche parola come ciao o grazie nella lingua locale è segno di grande rispetto, anche se sono le uniche cose che sappiamo. Sono anche un ottimo modo per approcciarsi alla popolazione locale, che sarà molto più aperta a farsi conoscere.

▪ Rispetta la cultura locale

Questo include anche abbracciare la cultura locale, ad esempio mangiare con le mani, eccetera. Oltre a permettere di vivere esperienze bellissime ed autentiche, aiuta ad evitare che le abitudini locali vengano modificate per accontentare i viaggiatori.

Gli scambi di informazioni e opinioni sono i benvenuti perché fanno crescere entrambi, finché sono rispettosi e non si vuole imporre il proprio punto di vista.

Ricordati di vestirti in maniera rispettosa. Essere turisti e non sposare la cultura o religione locale non vuol dire essere autorizzati ad essere irrispettosi.

▪ Chiedi prima di scattare una foto

Rispettare la privacy delle persone che incontriamo è fondamentale, anche perché in alcune culture si pensa che una fotografia rubi l’anima del soggetto. Inoltre, con le nostre fotografie cerchiamo di evitare di perpetuare stereotipi fornendo un’immagine negativa del paese, anzi impegniamoci a restituirgli dignità.

Turismo etico e responsabile: rispettare cultura e religione locale
Istanbul e la sciarpa come velo per entrare nelle moschee

4. Supportare la popolazione locale

▪ Scegli strutture/aziende del posto

Scegli alloggi, tour operator, ristoranti, ecc locali per favorire l’economia locale, preferibilmente attenti all’ambiente.
Allo stesso modo, acquista i tuoi souvenir da artigiani locali assicurandoti che non usino materiali illegali.

▪ Fai la tua parte facendo volontariato

Se hai molto tempo a disposizione, puoi considerare l’idea di fare volontariato tramite Workaway, o tramite organizzazioni locali, ma fai molte ricerche per essere sicuro che il progetto che scegli abbia effettivamente dei benefici per la popolazione.

Se può interessarti la nostra esperienza ne abbiamo parlato qui: Un mese di viaggio e volontariato in Vietnam.

▪ Sostieni organizzazioni locali

In ogni paese ci sono organizzazioni o imprese sociali che lavorano per migliorare il territorio e la vita della sua popolazione. Fai qualche ricerca e scegline una da supportare durante il tuo viaggio.

In molte città europee, ad esempio, si possono fare tour tramite organizzazioni che formano i senzatetto per dare loro una nuova opportunità. Nei paesi in via di sviluppo è ancora più semplice trovarne, scegli una causa che ti sta a cuore e parlane ai tuoi amici quando torni a casa in modo da darle più visibilità.

▪ Rispetta i diritti della popolazione

Rispetta artigiani, guide turistiche, ecc e pagali il giusto.
Non dare i soldi ai bambini per strada, piuttosto fai una donazione a organizzazioni che si occupano della loro tutela.

Pensaci bene prima di lasciare una brutta recensione che può impattare in maniera negativa su piccole attività locali. Condividi invece le tue esperienze positive per promuovere piccole attività, anche questo è turismo responsabile!

Turismo responsabile - volontariato in Vietnam
Costruzione di un pozzo in un villaggio rurale in Vietnam

5. La valigia sostenibile

▪ Viaggia leggero

Fai una valigia leggera, così potrai spostarti a piedi o in bicicletta più facilmente e i mezzi di trasporto useranno meno carburante per trasportarlo.

▪ Porta con te prodotti riutilizzabili

Per evitare di produrre troppi rifiuti, porta con te prodotti riutilizzabili come borse di tela per gli acquisti o per la biancheria sporca.

Indispensabile in viaggio è una borraccia, utile da riempire ai distributori gratuiti di acqua che si trovano sempre più facilmente. Ancora meglio sarebbe usare un purificatore dell’acqua per poter evitare di comprare bottigliette anche nei paesi in cui l’acqua spesso non è potabile.

▪ Utilizza prodotti biologici

Dallo shampoo alla crema solare, ricordati che tutti i prodotti che utilizziamo vanno in acqua, per questo vanno preferiti prodotti che non inquinano come prodotti biologici, che fanno meglio anche alla nostra pelle.

Per quanto riguarda sapone, shampoo e balsamo, ci sono oggi moltissimi prodotti solidi che non inquinano, durano di più, non creano rifiuti come i i contenitori di plastica dei prodotti liquidi e, ancora meglio, non ci fanno impazzire ai controlli di sicurezza degli aeroporti.

Viaggiare in modo responsabile con una borraccia al posto delle bottigliette di plastica
La nostra borraccia termica con il mappamondo

6. La scelta degli alloggi

▪ Evita appartamenti su AirBnb nelle grandi città

Purtroppo AirBnb sta creando molti problemi nelle città, diminuendo il numero di appartamenti disponibili e aumentando il prezzo medio, a discapito della popolazione locale. Se possibile, preferisci camere disponibili nella casa del proprietario invece che interi appartamenti.

▪ Preferisci esperienze locali

Al posto di scegliere catene di alberghi, preferisci attività locali come alberghi a conduzione familiare, bed&breakfast, homestay, ecc oppure prova a fare un’esperienza di couchsurfing per stare ancora più a contatto con persone del luogo. Quando possibile, scegli strutture attente all’ambiente.

Ricordati anche di prenotare senza passare dai portali di prenotazione, che prendono una commissione.

Nei paesi in via di sviluppo cerca progetti di turismo comunitario (CBT – community-based tourism) per un’esperienza autentica in mezzo alla popolazione locale e per favorirne lo sviluppo economico.
Se non sai di cosa si tratta, puoi leggere la nostra esperienza presso un progetto di turismo comunitario in Vietnam.

Viaggiare responsabilmente scegliendo sistemazioni locali
Un alloggio tipico in Giappone

7. Il rispetto per animali e ambiente

▪ Rispetta gli animali

Se hai in mente qualche attività o escursione a contatto con gli animali, fai delle ricerche per trovare organizzazioni che operano in modo etico.

Non alimentare lo sfruttamento degli animali e non dare da mangiare agli animali selvatici a meno che non sia espressamente consentito.

Un’altra cosa che vediamo succedere troppo spesso è quella di toccare le stelle marine per scattare delle fotografie. Le stelle marine sono animali delicatissimi e, semplicemente sfiorandole, potremmo essere letali, figuriamoci tirandole fuori dall’acqua!

Avere un contatto ravvicinato con (alcuni) animali è possibile, basta farlo nel modo giusto affidandosi a organizzazioni o progetti giusti. In Scozia, ad esempio, abbiamo avuto l’opportunità di dar da mangiare alle renne del Cairngorms National Park ed è stata una bellissima esperienza.

▪ Rispetta le regole

Dal non calpestare l’erba al non buttare la carta nel gabinetto nei paesi che non hanno un sistema fognario abbastanza sviluppato, le regole ci sono per fare in modo che i turisti non influiscano negativamente sul territorio, ricordati di rispettarle!

▪ Non portare a casa sabbia o conchiglie

Prelevare sabbia dalle spiagge è soggetto a multe salate in Italia e in altri paesi del mondo, ma ci sono ancora troppe persone che lo fanno.

A causa di tutti i turisti che pensavano di portare a casa un bel souvenir, alcune spiagge sono purtroppo scomparse, perché il processo di erosione e formazione della sabbia è troppo lento rispetto all’azione umana.

▪ Cerca di ridurre i rifiuti che produci

Ci sono oggi tantissimi prodotti riutilizzabili che non solo ci permettono di non inquinare, ma ci fanno anche risparmiare soldi.

In viaggio come a casa, cercare di acquistare alternative all’usa e getta è fondamentale anche per un altro motivo: la domanda si sposta dai prodotti usa e getti a quelli riutilizzabili, quindi il mercato si sposterà a seconda della domanda, abbassandone di conseguenza i prezzi.

▪ Non buttare i rifiuti per terra e fai la raccolta differenziata anche in viaggio

Non pensavo fosse ancora necessario nel 2020 dire di non buttare i rifiuti per terra, eppure ogni singolo giorno, ovunque io sia, sono testimone di come non sia ancora così scontato.

Quando non ci sono i cestini, come ad esempio nelle città giapponesi o durante i trekking nella natura, basta mettere i rifiuti in un sacchetto nel nostro zaino e buttarli non appena sia possibile.

Inoltre, fare la raccolta differenziata dei rifiuti è importantissimo anche in viaggio. Se non si riesce, si può considerare l’opzione di portare a casa rifiuti particolari per smaltirli nel modo giusto.

Queste sono alcune piccole azioni che TUTTI noi possiamo mettere in pratica perché i nostri viaggi abbiano un impatto positivo. Anche applicandone solo alcune si è parte del cambiamento!

Se avete altri consigli lasciateci un commento così possiamo migliorarci tutti assieme 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It