Lucca in un giorno di sole

Lucca è ormai diventata un piccolo ricordo felice. Ci penso e sorrido. Non è stata un viaggio programmato, non avevo la più pallida idea di cosa ci fosse da visitare. Lucca rimarrà nel mio cuore non come viaggio ma come una giornata felice insieme all’amica di sempre, come una giornata di sorrisi, risate, caldo sulla pelle, meraviglia negli occhi, cielo azzurro, buon cibo e camminata veloce.

Ma partiamo dal principio. Come ci sono finita a Lucca? Come molti, grazie al Lucca Summer Festival. Al posto di passare la giornata in fila dietro alle sbarre per il concerto, però, abbiamo preferito visitare la città, di cui avevamo sentito parlare molto bene. E avevano ragione.

Ecco tutte le cose che abbiamo visitato. Questa volta non c’è bisogno di parole, le foto parlano da sé. Via le cartine, occhi al cielo e godersi le meraviglie italiane.

Piazza Anfiteatro

Chiamata così perché fu costruita sui resti dell’antico anfiteatro romano, di cui rimane la forma ellittica. Oggi ospita moltissimi ristorantini e al momento della nostra visita era presente un’opera raffigurante Tindaro, promossa dall’iniziativa lucchese del “Passo sospeso. Esplorazione del limite”, che dissemina opere d’arte in tutta la città.

piazza anfiteatro Lucca

Giardino Pfanner

L’ingresso di questo e della rispettiva villa è a pagamento, ma dalle mura della città si può ammirare il giardino, con il campanile della basilica di San Frediano in lontananza e la fontana con le quattro statue allegoriche di Vulcano, Dionisio, Oceano e Mercurio, simbolo dei quattro elementi.

Torre delle Ore

La Torre delle ore prende il nome dalla presenza di un meccanismo di orologio del 1754, accompagnato da campane che scandissero il tempo suonando le ore. Nonostante abbia preferito Torre Guinigi, non si può dire che il panorama da questa torre fosse brutto.

Torre Guinigi

La Torre Guinigi è stata in assoluto la cosa che mi è piaciuta di più, impossibile non riconoscerla con i suoi alberi in cima. Il panorama da lassù è a dir poco spettacolare, sarei rimasta lì per ore ad ammirarlo e a scattare mille fotografie.

Le chiese

Lo sapevate che Lucca è chiamata la città dalle cento chiese? Non è difficile capirne il motivo, visto che da qualsiasi parte ci si volti lo sguardo incontra inevitabilmente una chiesa o un campanile.

Chiesa di San Michele in Foro

S. Michele in foro Lucca

Basilica di San Frediano

Basilica-S.Frediano-Lucca

Cattedrale di San Martino

Cattedrale-di-San-Martino Lucca

Interno Cattedrale Frediano Lucca

Museo della Liberazione

Non è proprio la classica cosa da visitare a Lucca, ma mi sento comunque di consigliarlo. Per solo un euro potete ascoltare i racconti appassionati del proprietario e scoprire moltissime cose nuove. Ad esempio, sapevate che i brasiliani hanno combattuto in segreto al fianco degli americani in Italia? Il presidente di allora, che era filo-fascista, disse: “È più probabile che un serpente fumi che i brasiliani entrino in guerra”. Quando poi in guerra ci entrarono veramente, sulla loro divisa avevano l’immagine di un serpente con una pipa in bocca come stemma di riconoscimento.

Cinta muraria

Un luogo speciale lungo più di 4km, dove poter passeggiare in tutta tranquillità all’ombra degli alberi e godere di una vista meravigliosa. Si può sbirciare nelle terrazze della case adiacenti e imbattersi in varie opere d’arte che rendono il tutto ancora più perfetto.

Ingresso Mura Lucca

La Tana del Boia

Da buon gustaia quale sono, alla fine di questo articolo mi sento in dovere morale di inserire il luogo in cui abbiamo pranzato, per il prezzo economico, per la simpatia del titolare, per la posizione privilegiata e per dei panini che non posso nemmeno descrivere quanto fossero buoni!

La Tana del Boia Lucca

 

Non so se l’avete notato dalle foto, ma una cosa che mi è piaciuta moltissimo di Lucca è il fatto che è piena di alberi e di verde ovunque. Se ci sono tre parole che userei per parlare di Lucca sono queste: verde, angoli e viette. Essendo piccola, sembra di stare in un labirinto pieno di svolte obbligate. Non un labirinto in cui ti perdi, ma uno in cui ogni via ti lascia a bocca aperta e di scappare non ti fa venire proprio voglia.

Non siete ancora stati a Lucca? Andateci e anche di corsa, perché vi lascerà affascinati. Io mi riservo di tornarci con più calma, con Dani che ama la toscana, quindi se avete consigli su cosa visitare o altre cose da non perdere come sempre non esitate a scriverceli!

P.S. Anche consigli su dove mangiare la prossima volta non vengono disdegnati 😉

4 commenti

  1. Doveroso essere il primo commento.
    Un ricordo speciale di una città magica 💙

  2. La mia città! Grazie per le bellissime parole con cui l’hai descritta: io l’adoro.

    1. Ciao Serena, che bello che deve essere vivere a Lucca 😍 tra l’altro un’altra cosa che ho apprezzato moltissimo è che nonostante ci fossero molti turisti abbiamo trovato solo persone gentilissime (il che non è scontato!)

Rispondi