Spostarsi a Malta: consigli e disavventure

Malta mezzi pubblici

Il primo giorno a Malta abbiamo imparato la lezione: a volte è meglio documentarsi meglio prima di partire (ma solo a volte)!

Vi abbiamo già ripetuto all’infinito quanto ci sia piaciuta Malta, vi abbiamo fatto vedere foto di posti spettacolari e raccontato dei suoi colori e della sua tranquillità. Ma secondo voi poteva filare tutto liscio? Ovviamente no! Ecco cosa è andato storto questa volta.

Siamo atterrati alle tre del pomeriggio nel minuscolo aeroporto dell’isola e siamo andati subito a comprare l’abbonamento settimanale ai mezzi pubblici. Dopo essere usciti per raggiungere la fermata degli autobus, abbiamo visto passarci davanti il pullman che avrebbe dovuto portarci a Rabat, dove avremmo alloggiato. Ancora ingenui, siamo andati a controllare gli orari degli autobus successivi per scoprire che ne passava uno ogni ora! Adesso: capisco che l’isola sia piccola, capisco che voi maltesi non siete mai di fretta, ma un pullman all’ora dall’aeroporto non vi sembra un po’ pochino?

Dato che non volevamo sprecare tempo, siamo saliti sul primo e unico autobus pronto a partire per una destinazione sconosciuta, convinti di riuscire almeno a vedere qualcosa prima di rientrare a casa. Che illusi. Morale della favola: non abbiamo visto niente e siamo arrivati a Rabat alle sette di sera. Esatto, quattro ore dopo.

Gli autobus di Malta non costituiscono quello che si possa chiamare un servizio efficiente: fanno dei giri strani (per farvi capire, siamo capitati su un pullman che ha fatto il giro del giardino interno di una clinica privata), si fermano ogni cento metri e soprattutto non seguono gli orari. Sebbene ci siano moltissime linee, il loro percorso è fatto come una raggiera con centro nella Valletta. Di conseguenza, può capitare che per spostarvi tra due luoghi vicini dobbiate tornare indietro a causa della mancanza di collegamenti diretti, perdendo un sacco di tempo inutilmente.

autobus Malta
Fase 1: aspettare l’autobus per una quantità indefinita di tempo
autobus Malta
Fase 2: andare a piedi

Questo era letteralmente solo l’inizio, perché per tutto il viaggio abbiamo avuto vari disagi con gli spostamenti. Il peggio, però, doveva ancora arrivare: l’ultimo giorno abbiamo quasi rischiato di perdere l’aereo!

Ormai consapevoli della lentezza dei pullman dell’isola, abbiamo deciso di prendere l’autobus delle 10.30 per poter prendere il volo delle 13.45. Dopo una bella colazione all’inglese e un ultimo giro nella città silenziosa, abbiamo preso i nostri amati zaini e ci siamo recati alla fermata dell’autobus verso le 10.15. Siamo rimasti ben due ore ad aspettare due pullman che non sono mai passati, così alla fine siamo corsi (letteralmente) ad un’altra fermata, dove siamo finalmente riusciti a prendere l’ultimo pullman che ci avrebbe portato appena in tempo all’aeroporto.

Quindi, il nostro consiglio spassionato come amici viaggiatori è il seguente: NOLEGGIATE UNA MACCHINA.
Alcune strade sono molto trafficate, soprattutto quelle della Valletta e la guida a sinistra potrebbe spaventare, ma niente può far paura come l’inefficienza degli autobus di Malta, fidatevi. I prezzi dei noleggi sono veramente molto bassi e  in questo modo risparmierete moltissimo tempo. Noi abbiamo passato, senza esagerare, la metà del tempo sui pullman o aspettandoli.

Barca Malta
In alternativa c’è sempre la barca a 1€ a testa, ma l’arrivare dall’altra parte non è assicurato! 😉

Anche voi avete avuto disavventure con i mezzi pubblici di qualche paese? Se sì, raccontatecele! Sia per non farci sentire soli che per aiutarci ad evitare un’altra esperienza del genere 😉

16 Risposte a “Spostarsi a Malta: consigli e disavventure”

  1. Hahahah..I pullman di Malta..allucinanti! A ripensarci ridi ma mentre sei lí li odi con tutta te stessa 😂

    1. Esatto!! Mi fa piacere sapere che non siamo stati gli unici ad odiarli 😂😂 infatti noi ci diciamo sempre che vorremmo ritornare a Malta.. ma stavolta con la macchina!

  2. Una mia amica c’è stata ad aprile e mi ha detto che si è trovata bene viaggiando coi bus, io invece avevo letto disavventure tipo le tue perciò non saprei che dire! Ci vuole fortuna!

    1. Dipende molto da dove alloggi, come ho detto il sistema è una specie di raggiera con centro nella Valletta, perciò se si soggiorna lì vicino è anche abbastanza comodo, ma resta il problema degli orari ecc.. come sempre la fortuna ci vuole e noi ne abbiamo sempre poca 😂

  3. Ciao! Sono stata a Malta nel lontano 2001 e mi ricordo che tutti i giorni andavamo col bus pubblico fino alla scuola di inglese, per gli orari non mi ricordo, mi ricordo solo gli autisti a piedi nudi ed un sacco scorbutici (oltre che pazzi alla guida)! 😀 Vorrei tornare a Malta un giorno ed usare solo i mezzi pubblici..ma ora non so più se farlo ahhahaha!! 😀

    1. Ciao! Almeno gli autisti scorbutici non li abbiamo trovati, anzi erano molto gentili e ci hanno sempre aiutato, altrimenti probabilmente eravamo ancora là 😂 se ci tieni a muoverti coi mezzi pubblici direi almeno di aumentare i giorni di permanenza così non impazzisci come noi 😉

  4. laviadellescimmie dice: Rispondi

    Articolo molto utile ed interesante! Questo genere di consigli serve davvero tanto prima di mettersi in viaggio!

    1. Ti ringrazio molto! Ci sentivamo in dovere di mettere in guardia chi vuole andarci, noi purtroppo non avevamo trovato nessun consiglio sui mezzi pubblici, anzi addirittura avevamo letto che funzionavano bene… chissà!

  5. I mezzi pubblici sono sempre una sfida… Io sono appena stata a san Pietroburgo senza fare troppi errori con i mezzi e devo dire che è stata una brande soddisfazione 🙂
    La prossima volta sarai prontissima!

    1. Grandissima!! Io ho sempre avuto un brutto rapporto coi mezzi, quando non sono in ritardo io sono in ritardo loro 😂 chissà se prima o poi vincerò questa sfida ahah

  6. Confermo l’assoluta approssimazione degli autobus a Malta. La cosa più divertente è stata quando vicini alla fermata, abbiamo suonato per prenotarla, ma il campanello era silenzioso, quindi noi abbiamo premuto ripetutamente il tasto, ma la prenotazione era una lucina che si accendeva accanto all’autista, che, in inglese, un po’ parecchio scocciato ci ha detto ” ho capito, ho capito! non è necessario!”. Infatti per girare Malta abbiamo noleggiato un auto, senza problemi di carte di credito. Basta chiedere all’Hotel dove si alloggia che di solito ha qualche convenzione con qualche noleggiatore auto.

    1. Noi vorremmo ritornarci per vedere le cose che ci mancano e perché ci è piaciuta davvero moltissimo, ma la prossima volta sicuramente prenderemo un’auto! Il culmine per noi è stato quando eravamo ad una fermata e sono arrivati tre autobus uguali contemporaneamente. Alziamo la mano e si ferma il primo, mentre gli altri due vedendo che si è fermato quello iniziano a proseguire dritti..nello stesso momento il primo autobus decide di non aprire nemmeno le porte perché era troppo pieno e tanto ce n’erano altri due.. risultato: su tre autobus non siamo riusciti a prenderne neanche uno 😭😭

  7. Non ero a conoscenza di questi disagi negli spostamenti con l’autobus a Malta. E’ un grosso disagio, buono a sapersi!

    1. Nemmeno noi ne eravamo a conoscenza prima di andarci 😂😂 bisogna sempre dire le cose come stanno per aiutare gli altri, no?

  8. Purtroppo i bus sono spesso così, in molti Paesi, inaffidabili (mamma mia con l’aereo che rischio!). Peccato perché dell’auto farei volentieri a meno quando possibile!
    A Malta fra strade strette, traffico assurdo e guida a sinistra l’impatto della prima ora con l’auto è stato un po’ forte, poi è andato tutto liscio 🙂

    1. Ciao Patrick! Hai ragione, colpa nostra che non ci siamo documentati prima.. sarebbero molto comodi se fossero efficienti 😂 sicuramente la prossima volta noleggeremo anche noi l’auto, mai più autobus a Malta! Per la guida a sinistra.. quest’anno siamo in Scozia per studio, abbiamo tempo di prendere la mano, meno male che ci sono solo pecore 😂

Rispondi